Restauro di orologi antichi

Riparazioni meccaniche ed estetiche per orologi di ogni epoca

Restauro orologi d'epoca

Grazie alla grande precisione che permea ogni lavoro effettuato, nonché alla competenza acquisita e all'esperienza maturata negli anni, la Bottega del restauro è in grado di occuparsi anche di orologi d'epoca.

Il laboratorio di Zola Predosa, in provincia di Bologna, è in grado di effettuare:

  • la riparazione dei movimenti meccanici di orologi antichi e moderni;
  • la riparazione di orologi da tasca;
  • il restauro di orologi a colonna;
  • la riparazione di orologi da polso;
  • il restauro di orologi da tavolo (parigini, viennesi, eccetera);
  • il restauro di orologi a pendolo e da muro;
  • la riparazione di sveglie d'epoca;

e di ogni genere di orologio d'epoca: pendole da parete, occhi di bue, orologi della Foresta Nera, orologi a cucù, orologi da polso con movimenti meccanici a carica manuale o automatica, cronografi e orologi da polso con movimenti al quarzo.

Sveglia cappuccina

Sveglia cappuccina con cassa in argento. Epoca primi '900.

Prima

Restauro sveglia cappuccina

Dopo

Sveglia cappuccina restaurata

Orologio a cucù

Storia degli orologi a cucù:

Gli abitanti della Foresta Nera iniziarono la costruzione di orologi intorno al 1630. All'inizio si ebbe solo una limitata produzione altamente artigianale: i cosiddetti "Hauslers", ossia contadini con fazzoletti di terra troppo piccoli per poter vivere dignitosamente. Questi erano spinti a guadagnarsi da vivere producendo orologi nei lunghi mesi invernali.

Grandi miglioramenti nelle tecniche produttive arrivano grazie alle idee di Friedrich Dilger che, grazie ai suoi viaggi in Europa, seppe riportare in Germania molte nuove nozioni e tecnologie. In seguito gli artigiani si specializzarono in incisioni, in meccanismi oppure in decorazioni compatibilmente alle necessità e, come accadde ovunque allo sbocciare dell'era industriale, questo processo di specializzazione aumentò di molto la qualità del prodotto.

Nel 1738 Franz Ketterer da Schonwald fu il primo ad inserire il sistema di cuculo in un orologio. Non si sa perché Ketterer scelse di emulare il verso del cuculo, ma di sicuro non fu un'impresa facile! Il sistema infatti era uguale a quello che si usa oggi: l'aria viene soffiata da due mantici attraverso due piccoli flauti. I flauti, avendo due tonalità diverse, producono il tipico cucù-cucù alla stregua di un piccolo organo a canne.

Il settore divenne sempre più importante, e per esempio si sa che nel 1808 a Friberga e nei paesi vicini ben 790 dei 9013 abitanti erano coinvolti nella produzione di orologi a cucù. Nel 1850 venne fondata la scuola per orologiai a Furtwangen. Le versioni prodotte furono tantissime: all'inizio si utilizzava il peso di una pietra appesa ad una corda che, grazie a questo, azionava gli ingranaggi. Prese poi il posto di questo sistema la classica pigna con catenella. La meccanica, parte realizzata anche in ferro o in ottone, era montata in cassette di legno. Il legno usato per le targhe e il quadrante veniva raccolto nei dintorni, si usava invece il legno duro degli alberi da frutto per alcuni ingranaggi.

La storia dei cucù prese molte vie tracciate da altrettanti artigiani ed i modelli prodotti furono inquantificabili, si pensa che solo per la tonalità del cucù sono state prodotte oltre 800 varianti. Alla fine del XVIII secolo si dice che fossero già stati esportati dalla Foresta Nera 110000 orologi a cucù, nel 1854 addirittura 600000.

Già nel 1840 i commercianti di orologi della Foresta Nera avevano filiali in quattro continenti e in ventitré paesi.

Prima

Restauro orologi a cucù

Dopo

Orologi a cucù restaurati

Orologio da salone Epoca Impero

Orologio inglese a cassa lunga. Epoca Impero.
Cassa in legno di noce. Quadrante in ottone firmato: John Barr Port Glasgow. Movimento con scappamento ad ancora. Suoneria ore e quarti.

Prima

Restauro orologio a pendolo

Dopo

Orologio a pendolo restaurato

Orologio ad altare Epoca '600

Orologio a pendolo ad altare. Epoca '600. Cassa in legno ebanizzato con parti marmorizzate dipinte.
Quadrante in rame dipinto ad olio con riportato il cerchio orario in ottone con cifre alla romana tinte di nero.

Prima

Restauro orologio ad altare

Dopo

Orologio ad altare restaurato

Orologio ad altare Epoca '800

Orologio a pendolo ad altare. Epoca '800.
Cassa in legno ebanizzato con inserti in marmo. Quadrante dipinto con riportato il cerchio orario in ottone con cifre alla romana tinte di nero.

Prima

Restauro orologio notturno

Dopo

Orologio notturno restaurato

Orologio a colonna Epoca '700

Orologio a cassa lunga. Epoca '700. Mostra in lamierino di ottone sbalzato con inserito al centro il quadrante in ceramica con cifre romane. Movimento con scappamento a verga. Suoneria ore e quarti.

Prima

Restauro orologio a torre

Dopo

Orologio a torre restaurato

Orologio Luigi XV

Pendola da mensola, metà del XVIII secolo. Cassa in legno di pioppo sagomato in stile Luigi XV, laccata e arricchita da bronzi dorati.
Quadrante in smalto bianco. Scappamento a verga. Suoneria ore e quarti.

Prima

Restauro orologio Luigi XV

Dopo

Orologio Luigi XV restaurato
BOTTEGA DEL RESTAURO snc | 154, Via Gesso - 40069 Zola Predosa (BO) - Italia | P.I. 00684271208 | Tel. +39 051 755303 | Fax. +39 051 755303 | info@bottegadelrestaurosnc.it | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite